Dal 1 gennaio 2016 il Comune di Vigo Rendena si è fuso nel Comune di Porte di Rendena

Menu di navigazione

Amministrazione Trasparente

Organi di indirizzo politico-amministrativo

di Martedì, 03 Dicembre 2013 - Ultima modifica: Giovedì, 19 Gennaio 2017
Applicabilità

Il contenuto della presente sezione è pubblicato ai sensi dell'art. 1 comma 1) della L.R. 29 ottobre 2014 n.10 e dell'art.14 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33 

Riferimenti normativi
Art.1, c.1, L.R. n. 10/2014
Art.13, c.1, lett. a), D.Lgs n. 33/2013
Art.14, c.1, lett. a), D.Lgs n. 33/2013
Art.14, c.1, lett. b), D.Lgs n. 33/2013
Art.14, c.1, lett. c), D.Lgs n. 33/2013
Art.14, c.1, lett. d), D.Lgs n. 33/2013
Art.14, c.1, lett. e), D.Lgs n. 33/2013
Art.14, c.1, lett. f), D.Lgs n. 33/2013 (applicabile solo ai sindaci e agli assessori dei comuni con popolazione superiore ai 50.000 abitanti)
Art.1, c.1, n. 5, L.N. n. 441/1982
Art.47, c.1, D.Lgs n. 33/2013
Contenuto dell'obbligo
  • Organi di indirizzo politico e di amministrazione e gestione, con l'indicazione delle rispettive competenze
  • Atto di nomina o di proclamazione, con l'indicazione della durata dell'incarico o del mandato elettivo
  • Curricula
  • Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica;
  • Importi dei viaggi di servizio e missioni pagati con fondi pubblici;
  • Dati relativi all'assunzione di altre cariche, presso enti pubblici o privati, ed i relativi compensi a qualsiasi titolo corrisposti;
  • Gli altri eventuali incarichi con oneri a carico della finanza pubblica e l'indicazione dei compensi spettanti. 

Il Sindaco del Comune di Vigo Rendena è Loranzi Ezio, nato a Vigo Rendena in data 21/08/1941.

Il Consiglio comunale è titolare della funzione di indirizzo, programmazione e controllo politico-amministrativo nei confronti degli altri organi comunali, dell'organizzazione amministrativa e degli enti comunali dipendenti.
Al Consiglio comunale competono le scelte fondamentali in tema di pianificazione urbana, di programmazione economica finanziaria, di politica tariffaria, di gestione dei servizi pubblici locali, di definizione degli indirizzi per la nomina o la designazioni dei rappresentanti del Comune presso enti, aziende ed istituzioni. 
Il Consiglio comunale approva lo statuto comunale, ogni sua modifica, tutti i regolamenti e delibera in materia di toponomastica.